FASHION MONTH : 4 MOMENTI DA RIVIVERE

Non siete riuscite a star dietro a tutti gli eventi delle fashion week? Niente paura! Ecco i 4 momenti memorabili del fashion month appena concluso!

(Moncler Genius)

#1 Moncler Genius

Moncler per il “fashion month” ha presentato un progetto capolavoro chiamato “Genius”. Partendo dall’idea che il genio è la capacità di innovare la realtà e guardarla nella sua complessità Moncler ha chiesto ad 8 designer di creare altrettante Capsule Collection, svelate mensilmente per rendere il marchio sempre nuovo ed interessante. Ecco allora l’eleganza di Pierpaolo Piccioli per la prima capsule,  l’universo street ed ispirato alla pop art di 1952,  il romanticismo femminile e floreale di Grenoble, i volumi delicati ed allo stesso tempo rock di Simone Rocha,  la visione fantasy di Craig Green, i giochi tridimensionali di Noir Kei Ninomiya,  la tradizione rivista da Hiroshi Fujiwara che si concentra esclusivamente sul piumino e per chiudere l’indole punk di Palm Angels.

#2 Il ritorno di Christy

Christy Turlington Burns torna dopo più di 25 anni in passerella a chiudere lo show di Marc Jacobs. La stessa Christy ha spiegato in un suo post su Instagram di aver sempre amato il designer, incontrato quando aveva solo 16 anni.  L’ultima volta che la supermodella aveva sfilato per il brand era 1993 e un anno dopo aveva rinunciato alla passerella, all’età di soli 25 anni.  Un ritorno che arriva a sorpresa pochi mesi dal suo 50esimo compleanno ma che sembra essere solo una comparsata. Sempre su Instagram , infatti, la modella confessa che dopo 25 anni, aveva spesso pensato di non poter più sfilare salvo poi ritrovarsi di nuovo lì dove aveva lasciato a vivere un’esperienza fortissima che non potrà più essere eguagliata.

(Christy Turlington – Marc Jacobs)

#3 L’ultimo applauso per Lagerfeld

L’ultima collezione di Chanel firmata da Karl Lagerfeld, scomparso il 19 Febbraio scorso è stata la passerella più attesa dell’anno. Come sempre una favola di moda e arte. Cade la neve sul Grand Palais , che per l’occasione si è trasformato in un paesaggio di montagna. La sfilata si apre con un minuto di silenzio osservato in ricordo di Lagerfeld e si chiude con Heroes di David Bowie (la canzone preferita del designer). In passerella e nel front row tutte le muse dello stilista: da Cara Delevingne a Penélope Cruz, da Claudia Schiffer a Monica Bellucci. Così Karl Lagerfeld lascia la sua eredità fatta di meraviglia e arte, con una collezione all’insegna del bianco e nero, che come diceva Coco Chanel sono l’accordo perfetto: la bellezza assoluta. 

#4 Tomo Koizumi : improvvisamente celebre

Succede spesso, soprattutto durante il fashion month che la fiaba di Cenerentola si trasformi in una bella realtà. E’ successo anche quest’anno! Tomo Koizumi, brand sconosciuto ai più è stato catapultato fra i brand di fama della stagione. Grazie al contributo di Katie Grand,  Stylist e Fashion and Creative Director inglese, che ha arruolato le supermodelle più celebri del momento per attirare l’attenzione sulla collezione. Lo stilista giapponese ha creato degli abiti enormi, arruffati e colorati, che hanno preso il sopravvento su Instagram dopo essere stati indossati da Emily Ratajkowski, Bella Hadid, Joan Smalls e l’attrice Gwendoline Christie.

(Tomo Koizumi)

selettore-lingue